Archivio Manifestazioni

Giovedì, 15 gennaio 2015, Kuppelraum, Università di Berna

Incontro Congedo parentale - Una manifestazione comune della CFQF e della COFF

Anche nel loro ruolo di genitori molte coppie desiderano ripartirsi equamente i compiti. Il ruolo di madre comporta sovente un'interruzione (temporanea) del percorso professionale, anche se dopo la nascita del figlio le donne vorrebbero continuare a lavorare. Dal canto loro, anche i padri vogliono essere presenti nella vita di famiglia. Il congedo di paternità di qualche giorno concesso da alcune imprese non è però sufficiente per permettere loro di partecipare attivamente all'accudimento dei figli e per migliorare le prospettive professionali delle madri. Affinché i genitori possano concordare la ripartizione del lavoro e dei ruoli e adottare il modello familiare desiderato, in Svizzera manca un elemento fondamentale: un congedo parentale pagato, disciplinato per legge.

Nell'ottobre 2013 il Consiglio federale, in adempimento del postulato della consigliera agli Stati Anita Fetz (11.3492), ha presentato in un rapporto otto possibili modelli di congedo di paternità e parentale applicabili in Svizzera, evitando però di dare la priorità all'uno o all'altro. Da allora la discussione sull'introduzione di un congedo parentale si è arenata e anche i numerosi interventi parlamentari sul tema sono stati respinti per il mancato raggiungimento di maggioranze politiche. Pertanto la Commissione federale per le questioni femminili (CFQF) e la COFF hanno organizzato un incontro apartitico e interdisciplinare con l'obiettivo di chiarire in che modo si possa introdurre un congedo parentale al passo con i tempi. Quali requisiti deve soddisfare? Quali criteri vanno osservati? Quali ostacoli occorre superare? Quali strategie politiche e proposte di soluzione sono utili per attuare una normativa legale in tal senso?

Relazioni

Archivio